A 31BI-MU: Zare espone alla fiera dedicata all’industria manifatturiera

BI-MU (Macchine Utensili, Robot, Automazione) è l’evento di riferimento dell’industria manifatturiera che presenta le ultime novità nell’automazione di fabbrica e di processo, nella strumentazione e nel controllo, nella produzione e nella componentistica elettronica.

Si tratta del contesto ideale per chi voglia trovare un ampio spettro di soluzioni e alternative tecnologiche, oltre che approfondire le tematiche legate al settore.

BI-MU 2018, edizione 31

A distanza di due anni da quella che è considerata la mondiale degli anni pari, Zare ha fatto ritorno per esporre e raccontare la propria attività dal 9 al 13 ottobre nel padiglione 11 di Fieramilano, reduce dell’esperienza più che positiva della passata edizione, la numero 30.

In quell’occasione, infatti, ci eravamo preposti l’obiettivo di far conoscere ai professionisti del settore le soluzioni offerte dalla stampa 3D industriale e, in particolare, le possibilità introdotte dalla sinterizzazione laser dei metalli.

Nel 2016 lo scopo della nostra partecipazione alla fiera era quello di mostrare a una platea di professionisti delle lavorazioni meccaniche come la tecnologia additiva si affacciasse alla realtà manifatturiera e potesse affiancare il loro lavoro quotidiano. La scommessa era quella di rassicurarli sul fatto che l’additive potesse essere interpretato come nuovo concetto di macchina utensile, capace non solo di offrire un’alternativa alle tradizionali tecniche sottrattive ma di completarsi con esse. Macchine utensili tradizionali e macchine “del terzo tipo” (additive) sono e devono essere complementari. Per quanto l’additive manufacturing rappresenti la soluzione ideale per un numero sempre più elevato di applicazioni, l’importanza delle tecnologie sottrattive e dei macchinari tradizionali non può essere messa in discussione, soprattutto se si considerano fattori quali precisione, dimensione e rugosità superficiale.

Il nostro stand a BI-MU 2018, edizione numero 31

A distanza di due anni possiamo affermare che il tempo è stato galantuomo: immaginare uno scenario sinergico tra questi due insiemi di tecnologie è già realtà quotidiana e lo dimostrano le lavorazioni che sfruttano al contempo stampa 3D e macchine CNC. Combinare queste tecnologie garantisce ottimi risultati in quanto insieme possono portare sul mercato prodotti e servizi sempre più efficaci, efficienti e rapidi. Soprattutto nel design, la compenetrazione di additive e CNC consente di far fronte alle richieste sempre più esigenti di committenti che richiedono componenti leggeri e dalle geometrie complesse.

L’importanza di una visione industriale della manifattura additiva è ribadita dalla fiera stessa in quanto BI-MU, anche per questa edizione, ha previsto delle aree di innovazione dedicate alle nuove tecnologie nei più svariati ambiti applicativi. Tra questi non possiamo non segnalare “Club Tecnologie Additive”, spazio di incontro e confronto tra gli addetti ai lavori curato da AITA, Associazione Italiana Tecnologie Additive.
Si tratta di un luogo di aggregazione per coloro che si interessano di manifattura additiva e un’occasione per informare i visitatori e gli operatori del settore sulle opportunità che le tecnologie additive offrono al settore manifatturiero meccanico. Lo stand di AITA ha ospitato anche l’iniziativa BIMU+Additive che ha consentito agli espositori di descrivere l’attività delle rispettive aziende.

Giuseppe Pisciuneri, il nostro Sales Manager, ha proposto alla platea di curiosi e professionisti di questo "convegno itinerante" uno speech intitolato “Additive Manufacturing: costruzione, ripresa meccanica e controllo di elementi funzionali critici” per raccontare al pubblico di BI-MU le sfide quotidiane della Fabbrica Dedicata alla Produzione Additiva.

BI-MU 31 save the date

Vi aspettiamo dall’8 al 13 ottobre presso Fieramilano RHO – Hall 11 – Stand E183