Il futuro additivo passa per lavorazioni meccaniche di altissima precisione

Mercoledì 19 dicembre, il Sole 24 Ore, quotidiano economico-finanziario di riferimento nel panorama italiano, ha pubblicato un articolo che parla della nostra Fabbrica, raccontandone la storia e i futuri sviluppi. Di seguito riportiamo il testo completo.

Il Sole 24 Ore racconta Zare

Dopo la menzione di azienda leader della crescita 2019, ci siamo confrontati con la redazione de Il Sole 24 Ore sulle tematiche che interessano l’industria additiva e il nostro lavoro come service di stampa 3D. Il risultato è un articolo che ripercorre la storia di Zare a partire dagli anni ’60 fino alla sua conversione in Fabbrica dedicata alla produzione additiva. Nel testo si parla anche del concetto di Integrazione Additiva™ su cui si concentreranno i nostri sforzi nel nuovo anno in quanto oggi più che mai siamo convinti che il futuro dell’additivo passi per lavorazioni meccaniche di altissima precisione.

Riportiamo di seguito l’articolo integrale.

ZARE è il partner di fiducia di un numero sempre crescente di grandi marchi, nazionali e internazionali; il supporto inizia nel momento in cui dall’ideazione di un componente funzionale che sfrutta le peculiarità della progettazione in additivo si passa alla vera e propria produzione dell’elemento.

Forte di un parco macchine per l’additive manufacturing tra i più nutriti d’Europa e di un know-how specialistico, la fabbrica interamente dedicata alla produzione additiva di ZARE si affianca all’azienda offrendo impianti e competenze per ottenere il perfetto manufatto additivo.

Il reparto per laproduzione additiva in metallo

Ogni giorno i progettisti scelgono l’additivo per realizzare forme altrimenti impossibili. Ogni giorno riconoscono in queste tecnologie una significativa fonte di opportunità e vantaggi per specifici impieghi per i quali le tecniche di lavorazione tradizionali sono meno adatte.

Molti progettisti hanno intuito che l’additive manufacturing industriale rende reale la promessa di poter produrre componenti più leggeri e performanti mantenendo, al contempo, le medesime performance dei pezzi ottenuti con metodologie produttive tradizionali.

Tuttavia, se si introducono i concetti di precisione e qualità meccanica si entra nel campo di tolleranze e rugosità, caratteristiche che gli impianti di produzione additiva non sono ancora in grado di garantire per la realizzazione di progetti ad alta precisione. La ripresa meccanica tramite macchine utensili altamente performanti diventa un’attività indispensabile per unire i vantaggi della progettazione in additivo alla perfetta esattezza richiesta dalle applicazioni critiche.

Racconta Andrea Pasquali, General Manager di Zare:

“Abbiamo fatto tesoro dell’esperienza accumulata a partire dai primi anni ’60 nell’ambito della meccanica di precisione ed abbiamo formalizzato un processo articolato di INTEGRAZIONE ADDITIVATM con l’obiettivo di ridurre e semplificare al minimo la filiera per garantire RISERVATEZZA oltre ad un più veloce time to market al cliente.”

Lavorazioni Meccaniche su stampa 3d metalli

Un reparto di lavorazioni meccaniche dotato di due importanti impianti CNC 5 assi GF Mikron MILL P 500 U con isola robotizzata a cui si affianca l’assunzione di personale dedicato e specializzato è la carta di ingresso per realizzare manufatti additivi in metallo critici.

Continua Giuseppe Pisciuneri, Sales Manager.

“Il tempo sta dimostrando che additivo e sottrattivo non sono in competizione ma, al contrario, rappresentano due visioni produttive fortemente compatibili e complementari, capaci di contribuire a soddisfare la richiesta di componenti leggeri e di articoli dalle geometrie sempre più complesse. La flessibilità della stampa 3D e le lavorazioni consentite dalle macchine CNC consentono di portare sul mercato prodotti più efficaci, realizzati in modo più efficiente e in tempi più rapidi. Considerarle alla stregua di due metodologie scollegate limita le possibilità ingegneristiche e, soprattutto, impedisce di cogliere come la loro integrazione possa dar vita ad un solo processo produttivo, unico, sequenziale, veloce e segreto.”

Chiude Francesco Boschetti, Marketing Manager: “ZARE è la Fabbrica Dedicata alla Produzione Additiva che nelle tecnologie del futuro spende e capitalizza un passato intimamente legato alla meccanica di precisione ed un presente di integrazione profonda tra idee rivoluzionarie, know-how e impianti d’avanguardia."